Castellabate

Castellabate la perla del Cilento

Tra il mare della Costiera Amalfitana e i monti dell’Irpinia, la Campania offre un panorama di paesaggi molto diversi, ma ugualmente interessanti.
Da non perdere alcuni borghi che, grazie alla loro antica storia e alla conservazione pressoché perfetta, riportano la memoria a tanti secoli fa, quando le automobili non esistevano, e il centro della città in cui si svolgeva il mercato, era un luogo fondamentale per l’aggregazione.
Tra i tanti paesi tipici della Campania, spicca Castellabate, in provincia di Salerno, comune collinare sparso tra varie frazioni e, inserito nel Parco Nazionale del Cilento.
Si hanno notizie del paese a partire dal 1123, quando l’abate Costabile Gentilcore ordina la costruzione del castello, dando così il nome alla cittadina, che verrà chiamata Castrum Abbatis.
L’anno successivo è segnato dalla morte dell’abate, anche se il Beato Simeone continua la costruzione dell’opera, che sarà ultimata nel 1138.
Grazie soprattutto al castello, punto fondamentale per il rifugio e il commercio, Castellabate si sviluppa notevolmente, diventando una delle baronie più ricche del Cilento.

castellabate-la-perla-del-cilento-3-1024x512 Castellabate la perla del Cilento
Il Castello di Castellabate

Il clima della zona, molto influenzato dalla vicinanza con il mare, è mediterraneo, con alcune differenze in termini di temperature soprattutto in estate, quando il termometro raramente supera i 30°. Grazie alla sua particolare posizione, infatti, il borgo gode di una ventilazione unica e fondamentale per mantenere un clima mite e fresco.
Dal 1998 Patrimonio dell’Umanità UNESCO, il paese salernitano è anche stato insignito in più occasioni di riconoscimenti da parte di Legambiente, ed è stato posto sotto tutela biologica marina, in quanto unico esempio di parco marino in Europa.
Il centro di Castellabate, che si distingue per il fitto reticolato, presenta edifici storici risalenti a varie epoche, così come la frazione di Santa Maria, dove ha sede il municipio, che con le sue due imponenti ville, Villa Principe di Belmonte e Villa Matarazzo, è una delle principali attrattive della città.
Ogni anno tanti sono gli eventi di tipo culturale e tradizionale che si svolgono nel borgo salernitano, tra questi: la Settimana della Cultura, mei primi giorni di febbraio, che vede una serie di appuntamenti culturali e musicali, con la premiazione di personaggi illustri legati alla cittadina. A luglio si svolge, invece, il Concerto sull’acqua, ovvero una kermesse di musica classica su una piattaforma galleggiante, in omaggio alla sirena Leucosia

Post Author: Danila Bronico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *