Scanno, un paese tra natura e cultura

Scanno, un paese tra natura e cultura

Tra le montagne aquilane, in parte all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo, ecco Scanno, piccolo borgo sui Monti Marsicani, nonché importante località turistica estiva e invernale, abitato già in epoca romana.

Il paese, che sorge nelle vicinanze del lago di Scanno, è l’ideale per una vacanza all’insegna della natura e della cultura, soprattutto per chi ama i paesaggi misti. Qui infatti lago e montagna si incontrano, lasciando spazio ad un connubio ambientale unico nel suo genere.

Il nome del lago, e quindi della città di Scanno, deriva dal latino “scamnum”, che ricorda la posizione del centro storico, posizionato su un colle che ricorda molto nelle sue forme una panca.

Le invasioni barbariche non toccano la cittadina abruzzese, anche se, successivamente, saraceni e ottomani espugnano e saccheggiano la città, portando a Scanno alcune delle loro tradizioni più pregnanti, come i costumi tradizionali, usati ancora oggi nelle feste paesane, ornati con decorazioni orientali, e i copricapi tipici, molto simili a turbanti.

La zona circostante, da sempre sismica, viene colpita da vari terremoti nel corso dei secoli: il più grave interessa Scanno nel 1915, e, in seguito al crollo degli edifici del centro storico, il cuore della cittadina viene spostato nella località di Frattura nuova.

La chiesa principale di Scanno è quella di Santa Madonna della Valle, o dell’Assunta, edificata nel XI-XII secolo, e rinnovata nel XVIII, con campanile che, grazie ai suoi 35 metri d’altezza, è il più alto della vallata.

In seguito a terremoti e abbondanti nevicate, sia la Chiesa dell’Assunta che altri edifici storici della zona sono stati ristrutturati e rinforzati nel corso dei secoli, soprattutto durante l’800 e il ‘900, senza alterare in maniera sostanziale la struttura di base.

Scanno ospita molte chiese edificate nel medioevo e nei secoli successivi, oltre ad alcuni palazzi, sedi delle casate nobiliari che stabilirono la loro residenza nella cittadina abruzzese, come Palazzo Mosca, Palazzo Serafini e Palazzo De Angelis.

Scanno è molto conosciuta in Abruzzo per l’oreficeria, uno dei tipi di artigianato che più si sono sviluppati nel paese, e che la rendono apprezzata anche al di fuori della provincia di L’Aquila.

Già dal ‘700 si hanno notizie di botteghe orafe nel paese, mentre a partire da metà ‘800 si diffonde un particolare galateo che indica con precisione in quali occasioni indossare ogni tipo di gioiello.

Post Author: Cristina Baratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *