Trieste, la città cosmopolita del Friuli Venezia Giulia

Trieste, la città cosmopolita del Friuli Venezia Giulia

Trieste, capoluogo di provincia e di regione, è anche la città più densamente popolata dell’intero Friuli Venezia Giulia.

Si parla di presenze umane nella zona già a partire dal II millennio a.C., anche se solo nel X secolo a.C. iniziano a esserci contatti fra gli autoctoni e altre popolazioni di territori limitrofi. Il nome stesso di Trieste deriva da queste influenze: anticamente la città friulana era chiamata Tergeste, ovvero mercato, con l’aggiunta del tipico suffisso venetico, “este”. Qualche secolo dopo, Trieste venne colonizzata dai Romani, insieme al territorio circostante, e questo le permise di svilupparsi notevolmente: in epoca imperiale conobbe il suo massimo splendore, con l’edificazione di un foro e di un teatro, oltre alla possente cinta muraria, voluta da Ottaviano Augusto, che si può ancora osservare in alcune zone della città. Bizantini, Franchi e Veneziani conquistano la città nel corso dei secoli, ma nel 1382 Trieste decide autonomamente di porsi sotto la protezione del Duca d’Austria, in modo da disporre di un valido supporto in caso di conflitti e invasioni, mantenendo comunque una relativa autonomia.

Nel 1719 Trieste diviene un porto franco, soprattutto perché unico sbocco sul mare dell’intero impero austriaco: grazie a questo cambiamento, la città si espande dal punto di vista culturale e linguistico, iniziando il processo che porterà poi ad un complesso urbanistico completamente cosmopolita.
Si parla di Trieste anche nel XIX e nel XX secolo, soprattutto a riguardo della contesa tra Italia e Impero Austriaco, ma anche per quanto riguarda l’occupazione jugoslava.

trieste-la-citta-cosmopolita-del-friuli-venezia-giulia-3-1024x329 Trieste, la città cosmopolita del Friuli Venezia Giulia
Piazza Unità D’Italia – Trieste

La città, che ha dato i natali a Umberto Saba, torna a far parte definitivamente del territorio italiano solo nel 1962.
Da vedere una delle piazze più importanti della città, Piazza Unità d’Italia, tra il Borgo Teresiano e il Borgo Giuseppino. La piazza si apre su di un lato sul Golfo di Trieste, dando così agli edifici che la compongono un fascino unico e suggestivo.
Nella stessa piazza è presente la celebre Fontana dei Quattro Continenti, risalente al 1754, che rappresenta con figure allegoriche i fiumi dei quattro continenti principali, in una sorta di connubio cosmopolita. La fontana, tolta dalla piazza nel 1938 per nasconderla alla vista di Benito Mussolini, in visita alla città, è stata ricollocata nella posizione originaria solo nel 1970.

Post Author: Danila Bronico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *